gioco vietato ai minori

 

starcasino

Storia del gioco del blackjack

Amo il blackjack. Ma non sono dipendente dal gioco d'azzardo. Sono dipendente dallo star seduto in semi-cerchio”, una celebre battuta del comico americano Mitch Edberg. A molti, come il sottoscritto, piace stare seduti in semi-cerchio. Cerchiamo di capire le origini di questo fantastico gioco. Il blackjack, come molti altri giochi da casinò, ha le sue origini in Francia. Nato nel diciassettesimo secolo, molti sostengono derivi da una famiglia di giochi che comprende Baccarat, sette e mezzo e 21.

Il blackjack ha avuto l’onore di essere praticato da Napoleone Bonaparte con il nome di “Vingt-et-une” (ventuno) e di essere citato in un romanzo di Miguel Cervantes che parlava di un gioco chiamato “Ventunia”. Subito dopo la rivoluzione francese, il blackjack approdò negli Stati Uniti, dove, senza alcuna regolamentazione da parte del governo, il gioco ebbe terreno fertile fino a quando gli organi governativi americani, agli inizi del diciannovesimo secolo, si accorsero che il settore del gioco non regolamentato stava portando corruzione e favoriva il crimine organizzato. Una volta messe a punto le questioni burocratiche, il gioco sbarcò nel 1931 nei casinò di Las Vegas, aumentando esponenzialmente di popolarità tra i giocatori.

Il blackjack divenne presto uno dei 3 giochi piu popolari assieme alla roulette e i dadi. C’è da dire però che agli esordi il blackjack faticò a prendere piede nei casinò, tant’è che per favorirne la crescita furono inventati diversi bonus, come ad esempio un pagamento di 10 a 1 in caso la mano di un giocatore consisteva in un asso di picche ed un fante nero”, appunto black (nero) jack (fante). La mano, chiamata appunto blackjack, ha conservato questo nome nonostante il bonus sia stato abolito. Il gioco divenne una certezza, furono inventate speciali tavole e tappeti verdi per il blackjack. Iniziarono ad essere stilate anche le prime strategie numeriche e matematiche e nel 1958 il blackjack divenne il gioco leader dei casinò.

Nel 1962, il giovane matematico Edward O. Thorp utilizzò l'antenato di un computer digitale per analizzare le statistiche sulla distribuzione delle carte. Con le sue ricerche e le simulazioni del computer appositamente programmato, sviluppò quello che i giocatori di blackjack online chiamano “strategia base del blackjack” diventando una delle figure prominenti nella storia del blackjack moderno. Fu anche il pioniere dell'idea dei “conteggi delle carte” affermando che un giocatore attento avrebbe potuto memorizzare le carte distribuite e cambiare le scommesse in base alle carte lasciate sul tavolo. Pubblicò tutte queste scoperte nel suo innovativo libro titolato “Beat the Dealer”. Negli anni 80’ e 90’ un gruppo di studenti americani misero in pratica gli insegnamenti di Thorp creando il famoso “Team del blackjack del MIT”. Questi ragazzi usarono la strategia base del blackjack, le tabelle ed il conteggio delle carte, sbancando i casinò di tutto il mondo. Le loro imprese sono documentate in libri e film. Oggi il blackjack continua ad emozionare anche nei casinò online e sembra non abbia voglia di perdere il suo straripante fascino.

©2017 www.casinoaamsitalia.it - Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione, solo su consenso e citazione della fonte.